Chi era Leonard Freed, a parte essere uno dei miei fotografi prediletti? Che poesia!

Leonard Freed (Brooklyn, 23 ottobre 1929 – Garrison, 29 novembre 2006) è stato un fotoreporter e documentarista statunitense, e membro della Magnum Photos per un lungo periodo. Di origine ebrea, discendeva da parenti della classe operaia emigrati dall’Europa orientale. Freed avrebbe voluto diventare un pittore, ma iniziando a scattare delle foto mentre si trovava nei Paesi Bassi, scoprì una nuova passione. Prima di tornare negli Stati Uniti viaggiò in Europa e in Africa, una volta tornato a casa frequentò la The New School e studiò insieme ad Alexey Brodovitch, direttore artistico dell’Harper’s Bazaar. Nel 1958 si trasferì ad Amsterdam per fotografare la comunità ebraica della città. Durante gli anni sessanta continuò a lavorare come fotogiornalista freelance che lo portò a viaggiare molto. Ha documentato molti eventi e temi con il Movimento per i Diritti Civili in America (1964-65), la Guerra del Kippur nel 1973 e il Dipartimento di Polizia di New York (1972-79).[1] La sua carriera sbocciò durante il movimento per i diritti civili, quando viaggiò per il paese insieme a Martin Luther King nella sua celebre marcia attraverso gli Stati Uniti dall’Alabama a Washington. Questo viaggio gli dette la possibilità di pubblicare il suo libro Black in White America nel 1968 che attirò l’attenzione su di lui. Anche il suo lavoro sull’applicazione della legge nella città di New York portò alla pubblicazione di un altro libro nel 1980: Police Work. All’inizio della sua carriera vide acquistare tre sue fotografie da parte di Edward Steichen per la collezione del MoMA.[1] Nel 1967 Cornell Capa scelse Freed come uno dei cinque fotografi partecipanti alla sua mostra “Concerned Photography”. Nel 1972 Freed entrò a far parte della Magnum Photos. Le pubblicazioni alle quali nel corso degli anni Freed ha contribuito includono il Der Spiegel, il Die Zeit, il Fortune, Libération, Life, Look, Paris Match, Stern e il The Sunday Times.

Negli ultimi anni Freed ha continuato a scattare fotografie in Italia, paese che lui amava e nel quale ha compiuto più di 45 viaggi, in Turchia, Germania, Libano e stati Uniti. Inoltre ha girato quattro film per le televisione giapponese, olandese e belga.

Vita personale

Nel 1956 conobbe Brigitte Klück, che divenne poi sua moglie, mentre si trovava a Roma per la rivista Look. Dalla loro unione nacque una bambina, Elke Susannah. Freed morì il 29 novembre 2006 nell’Upstate New york dopo una battaglia contro il cancro alla prostata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...