Vi do alcune buone ragioni per NON “fare” i fotografi

Vi do alcune buone ragioni per non fare i fotografi.
Io amo il mio lavoro, non fraintendetemi, ma spesso non è semplice. Ho molte soddisfazioni, soprattutto negli ultimi anni, le cose stanno andando davvero molto bene.
Baratti, Toscana
Baratti, Toscana
Mi chiamano in giro per l’Italia e tengo conferenze, letture portfolio e workshop. Considerando poi la parte pratica sono ancora più fortunata, i miei lavori riscuotono un buon successo, vinco premi, espongo in Italia e in Europa…insomma che cacchio voglio di più?
Niente, io niente, ma vedo un sacco di giovani e adulti che si avvicinano alla Fotografia con leggerezza (questo potrebbe essere positivo) e superficialità, questo non lo è mai, positivo.
Quando dico che SONO fotografa, la reazione è, nella maggior parte dei casi di meraviglia e invidia, senza considerare che poi aggiungono “Sai, anche mio cugino fa il fotografo, fa matrimoni per gli amici”…e già mi parte l’embolo! (non per i colleghi fotografi di matrimonio che fanno un bellissimo lavoro ricco di soddisfazioni, ma, appunto per l’abuso della parola fotografo, che qui non approfondisco, anche perché ho già detto il mio parere riguardo.)
L’altra parte di popolazione mi compatisce, pensa che tutti i fotografi facciano la fame. In parte è anche vero, rispetto alla difficoltà per ottenere un buon progetto a livello documentativo o concettuale, il riscontro può essere davvero misero.
Santiago de Compostela
Santiago de Compostela
Io amo quello che faccio, mi emoziona e mi diverte e poco altro mi interessa.
Adesso vi spiegherò invece, quali sono a parere mio, tutte le difficoltà che incontro nel mio lavoro.
Io non ho orari, non ho giorni liberi, lo sanno bene gli amici più cari che fanno davvero fatica a beccarmi libera per una pizza un caffè, spesso mi ritrovo ad inserire anche loro in agenda, come appuntamenti e questa è una cosa che non mi piace, mi rattrista, ma non posso fare altrimenti. Mio nipote mi ha chiesto una volta: Zia, sei a casa o a cercare lo yeti? (Si riferiva ad un prossimo viaggio che devo fare in Siberia) Quando torni mi porti una sua foto? E io, ma amore, sono a Roma e lo yeti, non so se esiste… Lui, ah, allora sei vicina, vieni a portarmi l’uovo (Kinder)!
Vai a spiegargli che, tra aereo e tutto ci sono 4 ore di viaggio. Vai a spiegargli che lo yeti, non esiste ( ma potrei fotografarlo…) ecco a volte ci sto male!
Essere sempre in giro è, per la maggioranza delle persone, un fattore positivo. Vi assicuro che essere sempre in auto, in aereo, cambiare hotel e dormire soli, non è così simpatico. Trovo invece che mangiare sola, sia bellissimo. Per il resto è un incrocio di biglietti posizionati in ordine di utilizzo, nel cassetto della cucina.
Per diventare fotografi, fotografi davvero, bisogna avere una grandissima pazienza e perseveranza. Tenere duro, accettare di produrre progetti che, sebbene creati con la massima curanza e professionalità, fanno schifo. E fanno schifo, punto. Dedichi tempo a costruire storie che non funzionano…specialmente nel mio caso, dove la vendita a giornali o agenzie è secondaria, quindi le pippe mentali te le fai praticamente, da solo.
Il lavoro ha molti saliscendi economici, ci sono mesi che si guadagna davvero bene, altri che non si guadagna un cacchio, poi ci si abitua, ma io ho sempre come si dice, un po’ di pepe al culo!
Capita di passare lunghi periodi senza trovare ispirazioni e poi di colpo tutto succede, succede in 15 minuti e tu devi essere pronto, concentrato reattivo, non è per tutti, dico davvero!
Sulla strada per Santiago
Sulla strada per Santiago
Ormai siamo TUTTI FOTOGRAFI, se non siete più che sicuri del vostro lavoro, ci sarà sempre chi sarà pronto a prendere il vostro posto. Questa condizione diminuisce con il crescere della vostra professionalità e fama, ma all’inizio è una lotta. Poi la “lotta” comincia con te stesso e continua, credo, per sempre.
Noi non abbiamo un albo, non siamo riconosciuti, non abbiamo tutele, con tutte le conseguenze di questa condizione.
Un’altra cosa che mi spiazza, ma questa riguarda solo me forse o altri, non so. La gente parla, parla, parla di fotografia, intavolando delle discussioni infinite su cazzate fotografiche infinite. Avere pensieri legati alla Fotografia include dover studiare continuamente, leggere, vedere nuovi autori, capire le cose del mondo e avvicinarsi a queste con umiltà, curiosità e passione.
Continua…..Ciao Sara
Berlino, lo zoo
Berlino, lo zoo

22 pensieri su “Vi do alcune buone ragioni per NON “fare” i fotografi

  1. Ironia: trovare i miei pensieri di quando pensavo di cambiare lavoro (passando da tecnico elettronico a fotografo) scritti da chi lo fa veramente per lavoro…
    …vuol dire che non ho mai pensato male, e le mie considerazioni erano tutte giuste e ho letto le riviste e consigli di persone affidabili…

    sei stata illuminante, continuerò sempre a conservare la passione per la fotografia, continuando coi miei lavori che fanno effettivamente schifo (ogni dieci, forse uno, mi riesce bene) ma non mi dispero… col tempo raggiungerò un buon livello per poter fare qualche foto decente alla mia famiglia

    Attendo il seguito dell’articolo… e spero di avere l’occasione di partecipare a un tuo workshop per avere anche l’opportunità di incontrarti.

    Liked by 1 persona

  2. condivido molto del tuo scritto (permettimi il tu) e trovo che sia una fortuna non da poco avere il tempo da dedicare alla fotografia come passione perché le bollette si pagano con soldi provenienti da altra attività, quindi tanto di cappello a chi riesce, come te e altri, a farne una fonte di reddito, anche se faticosamente e con fasi alterne, accettando anche lavori che non rientrano nei propri interessi.
    curiosità
    umiltà
    passione
    valgono per qualsiasi campo e per la vita in generale.
    dovrebbero fare parte del dna di ciascuno di noi, il mondo sarebbe forse un posto migliore dove stare, ma troppo di frequente ci si relaziona superficialmente con quello che ci circonda.

    Liked by 1 persona

  3. Infatti, io non mi cmaidero fotografo… Ma un foto amatore … E a tanti che mi chiedono di fare fotografie per matrimoni e altro più professionali, li indirizzo sempre ai professionisti… Grazie di aver pubblicato questo articolo, che servirà a molti…

    Liked by 1 persona

  4. … ecco perché, nonostante la passione per lo “scatto”, per la camera oscura e in generale per la fotografia mi fanno dire a tutti coloro che mi chiedono un “servizio fotografico” rispondo: “no grazie ma no, se vuoi però posso fornirti i contatti di fotografi professionisti”.

    Avanti così Sara, ho visto alcuni tuo lavori in ArteFiera a Bologna, molto interessati!

    Carlo.

    Mi piace

  5. Pingback: Vi do alcune buone ragioni per NON “fare” i fotografi | Scalzi Quotidiani

  6. Gran bel articolo, complimenti. Anche se forse avrei sostituito il titolo.
    Si perché sembra indirizzato più alla categoria pro che a quella amatoriale, a quelli che sognano ad occhi aperti, perché spesso, sono i primi, quelli con partita iva, come io li considero, a non fare i fotografi.
    E’ chiaro che è un discorso ristretto, grazie a Dio, ad una percentuale di fotografi professionisti ma credo siano la causa di molti problemi legati alla fotografia. Al contrario, ci sono fotografi per passione, amatori, che non si limitano ad immortalare attimi, ma vanno oltre. Acquistano libri, riviste, partecipano a ws, corsi e mostre, senza mai tirarsi indietro, senza nulla in cambio, per puro amore di una delle più belle arti al mondo.

    Mi piace

  7. Dimentichi quelli che “Oh, che bello, fai la fotografa, mi sapresti consigliare una macchina fotografica?”…
    A me una volta capitò una tizia che mi scrisse in privato, su FB, dicendomi che NON era assolutamente una fotografa, ma siccome una sua amica le aveva chiesto di scattare al suo matrimonio, “non è che gentilmente potresti darmi qualche dritta così non faccio brutte figure visto che non l’ho mai fatto”.
    No, vi attaccate al cazzo tu e la tua amica rabbina.
    E comunque adesso la tizia ha la sua pagina “Elena B. PHOTOGRAPHY”, su Fb, dove butta su inguardabili foto di palco sfocate o mosse. Ma sicuramente sono io che, dall’alto della mia professionalità, non capisco l sua arte.
    Baci, collega. Teniamo duro.
    😀

    Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...