L’intuizione nella fotografia.

La fotografia è alla portata di tutti.
Appena si prende una macchina fotografica in mano, fa il suo dovere, tu schiacci il pulsante, lei produce immagini. Niente di più semplice.
Inoltre per imparare la tecnica di base, ci vogliono davvero pochi giorni. Non sto sminuendo l’insegnamento della tecnica, non partite coi post pirata!

Diciamo che, le cose da imparare per scattare una foto tecnicamente corretta (senza far stupidi paragoni con eccelsi Autori che hanno fatto della tecnica, la loro grandezza) non sono molte.
Due dettagli che riguardano il fare foto, non si possono insegnare, almeno non in breve tempo, la capacità di riconoscere la “luce” e l’intuizione che rendono una certa foto, una foto certa.

H.C.Bresson diceva:

La macchina fotografica è per me un blocco di schizzi, lo strumento dell’intuito e della spontaneità. […] Fotografare è trattenere il respiro quando le nostre facoltà convergono per captare la realtà fugace; a questo punto l’immagine catturata diviene una grande gioia fisica e intellettuale. Fotografare è riconoscere nello stesso istante e in una frazione di secondo un evento e il rigoroso assetto delle forme percepite con lo sguardo che esprimono e significano tale evento. È porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore. È un modo di vivere. (da Henri Cartier-Bresson, Contrasto, 2004)

Riga 2010

Trovo questa frase interessante per ricollegarmi a cosa possa fare un fotografo:

  • Conoscere la tecnica (scontato)
  • Conoscere il soggetto (doveroso)
  • Intuire (comprendere la qualità estetica, formale e concettuale di uno scatto)
  • Interpretare quindi scattare

La sensibilità non può essere sostituita dalla tecnica, così come una persona con una bella calligrafia non scrive necessariamente bei romanzi.

Sia per intuire che per interpretare serve “sensibilità”.
La tecnica è necessaria, ripeto, non fraintendetemi, ma deve essere al servizio di chi utilizzandola, accresce la sua capacità di parlare attraverso le immagini.

Credo che la conoscenza sia la chiave per migliorare.
Ogni conoscenza di cui ci avvaliamo accresce le nostre doti da fotografo.
Dobbiamo essere in grado di interpretare e il “conoscere” è alla base dei ragionamenti che un buon fotografo deve fare per per rivelare “storie”.
Una volta padroni della tecnica ci si impadronisce del pensiero e la conoscenza ci aiuterà a muoverci spontaneamente nelle storie che vogliamo raccontare.
Il soggetto e il fotografo arrivano a amalgamarsi in un’unica pasta ed ogni intuizione diventa realtà fotografica.
Le proprie fantasie si trasferiscono nell’identificazione col soggetto che è un tutt’uno con noi, questo vale nel atto della creazione del lavoro, poi ci si lascia (qualche volta non ci si lascia mai) e ognuno torna per la propria strada.
In qualche caso il fotografo rappresenta se’ stesso nelle sue immagini, ci si butta dentro e dall’amalgama, non riesce più ad uscire. In questi casi la fotografia diventa una specie di incontro con l’analista. Una terapia.
Chi vede la luce poi, è davvero raro. Sono pochi anche i grandi fotografi che riconoscono una luce eccezionale sulla loro strada. Molti imparano ad usarla, ma pochi la vedono indipendentemente dalle conoscenze tecniche. È un dono che trasforma immagini banali, in capolavori. È un dono ricevuto da pochi.
E io me ne sto qui a scrivere e fuori c’è il sole. Esco. Ciao!

12 pensieri su “L’intuizione nella fotografia.

  1. Semplucemente grazie per queste piccole (ma piene) di saggezza fotografica. Leggere i tuoi post produce endorfine positive per il cuore e per la memte. Se mi posso permettere un abbraccio è più caldo come l’impegno che ci metti nei tuoi scritti. Fabio Malacarne

    Liked by 1 persona

  2. Bellissime parole… la sensibilta dell’anima’è un dono, artisti non si diventa si è.
    Tutti possono avvicinarsi alla fotografia , imparare le basi, e diventare bravi fotografi, ma non tutti possiedono il talento.
    Poi credo che nel campo artistico sia inutile e dannosa la competizione fra artisti , invece è salutare quella con se stessi.

    Liked by 1 persona

  3. L’intuizione e la sensibilità sono doti che o hai o non hai. SE le hai e sei fortunato, bisogna incanalarle e istruirle per far si che vengano fuori e che siano potenziate. Grazie di questo interessante articolo. 🙂

    Liked by 1 persona

  4. Alcune riflessioni…
    Mi interessa un tuo parere Sara :
    Opera di pittura: esteriorizza il sentimento, le sensazioni, le emozioni, l’immaginazione, l’attimo, la spiritualità interiore, il sogno.La realtà ispira, non viene rappresentata come realtà oggettiva ma elaborata dal pensiero.
    Arte fotografica : attraverso la realtà vera e oggettiva si documenta, si illustra, si esprimono le sensazioni, si esprime il sentimento e il pensiero.

    Mi piace

  5. Ciao, secondo me potresti anche invertire le cose, o mescolarle, sia la fotografia che la pittura, a mio parere, ricreano le affermazioni che hai descritto.Si mescolano in entrambe le disciline. La differenza per me è che la pittura di esegue nel “tempo del pittore”, la fotografia “nel tempo della realtà”..ecco, ciao!!!

    Mi piace

  6. difficile far capire questi concetti a chi inizia la fotografia, oggi. Bene hai fatto ad avvertire immediatamente del tono a inizio post. A fraintendere si fa presto! Le email che mi arrivano più frequentemente riguardano soltanto la fotocamera e oggi stiamo saltando anche il passo della scelta dello strumento. “Con quale fotocamera posso iniziare a vendere fotografie?”…

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...