Una tra tante

JG3

Quanto pesa nella scelta dell’immagine da stampare, per il fotografo, l’aver vissuto gli attimi precedenti e successivi allo scatto? Quanto contano le parole, i rumori e gli odori quando è il momento di decidere “quale foto”? Le riflessioni di Jean Gaumy.

JG4

Piano per le reti da pesca sul taccuino di Gaumy

JG1

Pagina del taccuino di Gaumy

“Molta pioggia e poche foto. Ho pensato di entrare in acqua con la Fuji, non c’era abbastanza tonno”

La foto, venne scattata da Jean Gaumy nel 1992, nello stratto di Gibilterra, tra Atlantico e Mediterraneo in quello che è il profondo sud della Spagna.

JG2

“…avevo già visitato questi luoghi nel 1982, il villaggio di Zahara de los Atunes era un luogo magico, straordinariamente incontaminato. (…) Tornai dieci anni più tardi, dopo essermi ripromesso di rivedere il luogo che per me rappresentava uno dei più magnifici e duraturi incontri tra uomo e pesce. Conosciuta come “almadraba” (letteralmente: tonnara), questa forma di pesca statica, era un tempo un’attività ampiamente eco-sostenibile. Infatti, una volta che le grandi reti venivano fissate in posizione, i pescatori erano in completamente in balia dei capricci del tempo e dei movimenti dei pesci che nuotavano più o meno vicini alla costa, a seconda di come soffiava il vento. Una salubre incertezza, compensata però da secoli di esperienza, rendeva la partita relativamente equa, in armonia con la natura. (…) Ricordo la prima volta che vidi tirare i grandi pesci intrappolati nella rete; (…) ero da solo con il gruppo di pescatori (circa 50) che lentamente alzavano il fondo della rete, dove dozzine e dozzine di pesci erano rimasti impigliati. (…) Si creava allora un vortice di corpi e di acqua di mare. I pescatori di issare la rete e restavano in silenzio. Per lunghi minuti non si sentiva nulla se non il riflusso dell’acqua e le sferzate dei tonni mentre sbattevano l’uno contro l’altro come schegge impazzite. Juan, uno dei pescatori, mi vide mentre osservavo la scena e in un modo che solo gli spagnoli conoscono, affascinante e fiero, mi disse pacatamente: “Questa è la morte”.

Chi è Jean Gaumy

PAR13189

Nato nell’agosto del 1948 a Pontaillac (Charente-Maritime), Francia, Gaumy frequentato la scuola a Tolosa e Aurillac. Ha ricevuto la sua istruzione superiore a Rouen, dove ha lavorato come redattore e fotografo freelance in un quotidiano locale a pagare per i suoi studi. Ha lavorato brevemente l’agenzia Viva e poi si unì la Gamma francesi nel 1973 su richiesta di Raymond Depardon. Nello stesso periodo, si è sposato con Michelle e la figlia Marie è nata nel 1975.

Nel 1975 ha intrapreso due lunghi lavori su argomenti mai affrontati in Francia: il primo “L’Hopital” è stato pubblicato nel 1976; il secondo, “Les Incarcérés”, sulle prigioni francesi è stato fatto nel 1976 e pubblicato nel 1983 con estratti dal suo diario personale scritte in prima persona.

Nel 1977 entra a far parte Magnum dopo essere stato notato al festival di fotografia, Rencontres d’Arles, nel 1976 da Marc Riboud e Bruno Barbey.

Nel 1984 realizza il suo primo film “La Boucane”, che è stato nominato per un Cesare nel 1986 per il miglior documentario.

Altri spesso film premiati hanno seguito, tutto trasmesso dalla televisione francese ed europea.

Nello stesso anno, ha iniziato un ciclo di viaggi invernali a bordo cosiddetti pescherecci da traino “classici” che continuarono fino al 1998 e ha portato alla pubblicazione nel 2001 di Pleine Mer.

Il suo primo viaggio in Iran è stato durante la guerra con l’Iraq nel 1986. Ha intrapreso viaggi in corso fino al 1997.

Nel 1987, realizza il film “Jean-Jacques”, trascorso due anni che racconta la città di Octeville-sur-Mer, dove ha vissuto, attraverso gli occhi di Jean-Jacques che è stato erroneamente considerato il “scemo del villaggio”.

Nel 1994 realizza il suo terzo film “Marcel, Pretre” girato in Raulhac, Cantal Auvergne e per un periodo di diversi anni.

Ha ricevuto il Prix Nadar nel 2001.

Dal 2005 ha intrapreso location scouting e spara per il film “Sous Marin” spesa quattro mesi a bordo di un sottomarino sottomarino d’attacco nucleare.

E ‘stato ufficialmente nominato Peintre de la Marine nel 2008.

Le sue numerose opere sul confinamento umana sono stati accoppiati con un approccio fotografico più contemplativo negli ultimi anni. Nel 2008, dopo il suo film a bordo di un sottomarino nucleare, ha iniziato a lavorare ricognizione fotografica che lo ha già preso dai mari artici alle terre contaminate di Chernobyl e Fukushima. Allo stesso tempo, per lo stesso progetto, ha iniziato una serie di paesaggi montani e, nel 2010, ha ricevuto il Premio Nadar (per la seconda volta) premiando il libro “D’après Nature”, pubblicato con queste immagini. Lo stesso anno è a bordo l’ultimo e più moderno sottomarino dedicato alla deterrenza nucleare.

Nei primi mesi del 2012, è stato in Fukushima e poi di nuovo nelle terre artiche.

I lavori di Gaumy:

http://www.magnumphotos.com/C.aspx?VP3=CMS3&VF=MAGO31_10_VForm&ERID=24KL53ZFL3

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...