Jen Davis. Autoritratti. Il rapporto con l’obesità.

Per ricollegarmi alla fotografa di ieri: vedi qui due interpetazioni diverse del rapporto col proprio corpo.

Oggi vi presento il lavoro di Jen Davis.

È un viaggio intimo quello di Jen Davis. Undici anni di fotografie per capire come potesse essere diventata così grassa, addirittura un pericolo per la sua salute.

Si è fotografata per un periodo lunghissimo fino a che, grazie ad un’operazione, ha perso 50 kg.

La sua vita si è trasformata, una vita nuova, che nemmeno lei si aspettava più.

Questo il sito con altri bei ritratti

Advertisements

5 pensieri su “Jen Davis. Autoritratti. Il rapporto con l’obesità.

  1. Grazie per i due contributi sugli autoritratti.
    L’autoritratto in sé (non il “selfie”, anche se in qualche misura pure quello) è una forma fotografica che mi “sconvolge” sempre un po’. Non riesco a dare una spiegazione migliore. La modella si fa fotografare per soldi o vanità (ok, sto banalizzando, ma per intenderci). Poi c’è tutta la ritrattistica di amici e parenti, insomma delle foto ricordo. In genere c’è qualcuno che ci vuole fotografare, e ci chiede di farlo in un determinato modo (mettiti in posa, sorridi etc). L’autoritratto è un po’ mettersi a nudo, prima di tutto di fronte a se stessi, e poi agli altri. Credo che se fatto con criterio, o con intenzione, un autoritratto o una serie di autoritratti, sia un’esperienza piuttosto forte.

    Mi piace

  2. Sono d’accordo Cristian, quanto meno nella mia esperienza. Io non riesco ad “auto-ritrarmi”, o quanto meno, se lo faccio, sono solo particolari di me o mi rendo irriconoscibile. Proprio non riesco a rivedermi in foto. =:O

    Liked by 1 persona

  3. Ecco, “viaggio intimo”, la tua definizione è esattamente il motivo per cui queste foto a me piacevano più delle altre dove mancava proprio questo aspetto, secondo me.
    L’autoritratto è effettivamente un mettersi a nudo, non tanto di fronte agli altri, quanto a se stessi.Penso che ogni nostra scelta fotografica alla fine sia uno specchio, ma sicuramente più “mediato”: ritrarre se stessi è decisamente “diretto”.Si va diritti al cuore, il proprio cuore, intendo: a volte fa anche male.
    Chi fotografa, anche solo per passione, come faccio io, è comunque o dovrebbe essere, abituato a “vedere”, quindi può non essere facile “vedere” non tanto le proprie luci quanto le inevitabili ombre che ne derivano o che le contengono.
    Leggere (a mo’ di lettura portfolio) un proprio autoritratto o addirittura una serie scattata in tempi diversi può riservare sorprese. 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...