Jan Grarup. Da conoscere.

 

Jan Grarup (nato nel 1968) è un fotoreporter danese che ha lavorato sia come staff photographer che come freelance, specializzandosi in fotografia di guerra e di conflitto. Ha vinto numerosi premi compreso il Word Press Photo per la sua copertura della guerra in Kosovo.

Grarup è nato a Kvistgaard, non lontano da Helsingør, nel nord dell’isola danese di Sealand. Ebbe la sua prima fotocamera all’età di 13 anni e cominciò a sviluppare fotografie in bianco e nero. All’età di 15 anni scattò una foto di un incidente stradale e la inviò al giornale locale Helsingør Dagblad, che la pubblicò. A 19 anni, trascorse le sue vacanze di Pasqua a Belfast all’epoca dei disordini, cominciando ad avvicinarsi ai conflitti.

Dopo aver studiato giornalismo e fotografia alla Danish School of Journalism di Aarhus dal 1989 al 1991, cominciò come apprendista per poi diventare un fotografo a tempo pieno per il tabloid danese Ekstra Bladet.

Nel 1991, l’anno in cui si è diplomato, Grarup vinse il premio Danish Press Photographer of the Year, un premio che avrebbe ricevuto in diverse ulteriori occasioni. Nel 1993, si trasferì a Berlino per un anno, lavorando come fotografo freelance per giornali e riviste danesi.

Nel corso della sua carriera, Grarup ha coperto numerose guerre e conflitti in tutto il mondo, compresi la guerra del golfo, il genocidio del Ruanda, l’assedio di Sarajevo e la rivolta palestinese contro gli israeliani nel 2000. La sua copertura del conflitto tra Palestina ed Israele, ha dato origine a due serie: The Boys of Ramallah, che gli è anche valsa il POY World Understanding Award nel 2002, seguita da The Boys from Hebron.

Sul suo sito, Grarup spiega che il suo lavoro riflette la sua convinzione “nel ruolo del fotogiornalismo come strumento di testimonianza e memoria per promuovere il cambiamento e la necessità di raccontare le storie della gente che non ha la possibilità di farlo in prima persona”

Il suo libro, Shadowland (2006) presenta il suo lavoro nel corso di 12 anni trascorsi in Kashmir, Sierra Leone, Cecenia, Ruanda, Kosovo, Slovacchia, Ramallah, Hebron, Iraq, Iran e Darfur. Nelle parole della critica di Foto8, esso è intensamente personale, profondamente sentito e perfettamente composto. Il suo secondo libro, Darfur: A Silent Genocide è stato pubblicato nel 2009.

Dopo aver lasciato il suo posto da Politiken nell’autunno del 2009, si è unito alla piccola agenzia fotografica Das Büro nel gennaio 2010, dove si è concentrato sul mercato nazionale. Continua il suo lavoro internazionale con l’agenzia NOOR ad Amsterdam, di cui è un co-fondatore. Nel Novembre 2011, è diventato staff photographer per il New York Times coprendo Africa e Medio Oriente, specialmente Afghanistan, Iraq, Libia e il Corno d’Africa.

Fotografie recenti includono il terremoto di Haiti per il Time e Dagbladet Information. Nel tardo 2011, Grarup ha coperto il campo profughi di Dadaab, Kenya.

Qua il suo sito. Qua trovate un’intervista rilasciata in occasione della sua partecipazione al Festival della Fotografi Etica di Lodi nel 2014.

Jan Grarup (born 1968) is a Danish photojournalist who has worked both as a staff photographer and as a freelance, specializing in war and conflict photography. He has won many prizes including the World Press Photo award for his coverage of the war in Kosovo.

Grarup was born in Kvistgaard, not far from Helsingør, in the north of the Danish island of Sealand. He got his first camera when he was 13 and began to develop black and white photographs. At the age of 15 he took a photograph of a traffic accident and sent it in to the local newspaper Helsingør Dagblad where it was published. When he was 19, he spent his Easter holidays in Belfast at the time of the troubles, gaining an appetite for conflicts.

After studying journalism and photography at the Danish School of Journalism in Aarhus from 1989 to 1991, he became first a trainee, then a full-time photographer with the Danish tabloid Ekstra Bladet.

In 1991, the year he graduated, Grarup won the Danish Press Photographer of the Year award, a prize he would receive on several further occasions. In 1993, he moved to Berlin for a year, working as a freelance photographer for Danish newspapers and magazines.

During his career, Jan Grarup has covered many wars and conflicts around the world including the Gulf War, the Rwandan Genocide, the Siege of Sarajevo and the Palestinian uprising against Israel in 2000. His coverage of the conflict between Palestine and Israel gave rise to two series: The Boys of Ramallah, which also earned him the POY World Understanding Award in 2002, followed by The Boys from Hebron.

On his website, Grarup explains that his work reflects his belief “in photojournalism’s role as an instrument of witness and memory to incite change, and the necessity of telling the stories of people who are rendered powerless to tell their own”.

His book, Shadowland (2006), presents his work during the 12 years he spent in Kashmir, Sierra Leone, Chechnya, Rwanda, Kosovo, Slovakia, Ramallah, Hebron, Iraq, Iran, and Darfur. In the words of Foto8’s review, it is intensely personal, deeply felt, and immaculately composed. His second book, Darfur: A Silent Genocide, was published in 2009.

After leaving his post at Politiken in the autumn of 2009, he joined the small Danish photographic firm Das Büro in January 2010 where he concentrated on the national market. He continues his international work with the NOOR agency in Amsterdam, of which he is a cofounder. In November 2011, he joined the New York Times as a staff photographer covering Africa and the Middle East, especially Afghanistan, Iraq, Libya and the Horn of Africa.

Recent photographs include those of the earthquake in Haiti taken for Time and Dagbladet Information. In late 2011, Garup covered the refugee camp in Dadaab, Kenya.

Here his website and here an interview at Festival della Fotografia Etica in Lodi in 2014.

Anna

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...